Orario di Apertura : Consulta il Calendario
  Contatti : Nico 347 9305711 - Rosy 339 4106188

Domenica 8 Maggio 2016 – Il Gioco della Lippa

Domenica 8 Maggio 2016 al Bosco dei Folletti, per tutti i genitori è possibile giocare all’antico gioco della Lippa!!!
Premi per i vincitori!!
Tantissime altri giochi e attività per i bambini e per tutta la famiglia!!

Programma Domenicale
ore 10,30 visita guidata con la Fatina al Sentiero dei Folletti.
ore 12,30 pranzo (il centro non fa ristorazione, pertanto ognuno deve provvedere autonomamente), possibilità di usare il barbercue.
ore 14,00  Gioco della Lippa (per i genitori)
Attività: Nuova teleferica per piccoli coniglietti, Arrampicata sportiva, teleferiche per ragazzi e adulti, Percorso avventura lo “Scoioattolo”, passeggiate a cavallo, giostra, visita alla fattoria, “percorso natura”, minibici senza pedali per bambini e tanti altri giochi.

PER INFORMAZIONI  347-9305711

 

COS’E’ IL GIOCO DELLA LIPPA

La lippa è un gioco sportivo da praticare all’aperto in spazi molto ampi dove non ci sono vetri da rompere. Prende il nome dallo strumento fondamentale per la sua pratica ovvero la lippa.

Giocatori

Si gioca in 2 (giocatore A contro giocatore B ) o a coppie (A e B contro B e C).

Strumenti

Per giocare è necessario possedere una lippa. Essa è un pezzo di legno di forma cilindrica, lungo una decina di centimetri, appuntito alle estremità. La lippa non è acquistabile in nessun negozio ma va fabbricata manualmente, come ai tempi passati, modellando un ramo secco o un pezzo di manico di scopa con un coltellino. Oltre alla lippa è necessario possedere anche la mazza che si improvvisa con un manico di scopa, lungo una trentina di centimetri, non appuntito alle estremità.

Regole

All’inizio della partita si appoggia la lippa a terra e la si colpisce con la mazza su una delle due estremità appuntite. Se il tiro è eseguito nel modo esatto la lippa si alzerà in aria; una volta sospesa, prima che ritorni a terra, le si darà un altro colpo al volo cercando di mandarla il più lontano possibile. La direzione non è importante, quello che conta è la distanza coperta dal lancio. Una variante per complicare maggiormente il gioco consiste nel tracciare sul terreno un cerchio di due o tre metri ed una riga a dieci metri dal cerchio. Un giocatore (A) prende la mazza e si posiziona nel cerchio, l’altro giocatore (B) prende la lippa e si posiziona dietro la riga. Se B riesce a far cadere la riga nel cerchio, guadagna un punto a suo favore, e il gioco prosegue. Se A riesce a far uscire la lippa dal cerchio respingendola B corre a prenderla e, stando fermo nel punto in cui la lippa è caduta, la tira verso il cerchio. Se non riesce a centrare il cerchio (per la distanza o per la mira sbagliata) il punto va al giocatore A. A partita finita i ruoli si invertono.

Scopo

Lo scopo del gioco è colpire la lippa con precisione mandandola più lontano dei propri avversari.

Storia

La lippa ha origini risalenti a prima del XX secolo quando varie icone rappresentano bambini con mazze improvvisate lanciare lippe. Questo gioco è un antenato dell’odierno baseball. Oggi esso è quasi del tutto estinto sul territorio Italiano fatta eccezione per la Val D’Aosta dove si gioca ancora con ben tre varianti ( Rebatta, Tsan e Fiolet).

commenti